Ricerca avanzata

Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2013 Marzo;15(1) > Esperienze Dermatologiche 2013 Marzo;15(1):9-11

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

Esperienze Dermatologiche 2013 Marzo;15(1):9-11

 CASI CLINICI

Dermatosi perforante acquisita in paziente dializzato: caso clinico

Farinelli P. 1, Gironi L. C. 1, Astolfi S. 1, Bellinzona F. 1, Delrosso G. 1, Valente G. 2, Colombo E. 1

1 Clinica Dermatologica, Azienda Ospedaliero-Universitaria Maggiore della Carità, Novara;
2 Servizio di Anatomia Patologica, Azienda Ospedaliero-Universitaria Maggiore della Carità, Novara

Le dermopatie perforanti acquisite costituiscono un gruppo di malattie cutanee che colpiscono soprattutto pazienti adulti affetti da diabete mellito e/o da insufficienza renale cronica. Sono caratterizzate dalla presenza di papule ombelicate pruriginose che si realizzano tipicamente su aree sottoposte a grattamento. La diagnosi differenziale clinica include: prurigo nodularis, pitiriasi lichenoide, granuloma anulare perforante. L’eliminazione transepidermica di materiale dermico rappresenta la caratteristica istologica patognomonica. Gli autori presentano il caso di un uomo caucasico di 64 anni, affetto da insufficienza renale cronica, che ha realizzato papule pruriginose diffuse a livello degli arti inferiori. L’esame istologico di una delle lesioni ha portato alla diagnosi di dermopatia perforante acquisita.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina