Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2011 December;13(4) > Esperienze Dermatologiche 2011 December;13(4):157-62

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Esperienze Dermatologiche 2011 December;13(4):157-62

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Ruolo di Staphylococcus aureus nella dermatite atopica

Pascolini C. 1, Prignano G. 1, Passariello C. 2, Pecetta S. 2, Capitanio B. 3, Ensoli F. 1, Di Carlo A. 4

1 Unità Operativa Complessa di Patologia Clinica e Microbiologia, Istituto Dermatologico San Gallicano, Roma, Italia 2 Dipartimento Sanità Pubblica e Malattie Infettive, Università “La Sapienza”, Roma, Italia 3 Unità Operativa Semplice di Dermatologia Pediatrica, Istituto Dermatologico San Gallicano, Roma, Italia 4 Direzione Scientifica, Istituto Dermatologico San Gallicano, Roma, Italia


PDF  


Obiettivo. La dermatite atopica (DA) è una patologia caratterizzata da cute disfunzionale, particolarmente suscettibile alla colonizzazione da Staphylococcus aureus (oltre il 70-80%) che, a causa della produzione di tossine, può contribuire ad una esacerbazione dei sintomi.
Metodi. In questo studio è stata analizzata la prevalenza di S. aureus in 175 pazienti pediatrici affetti da DA e in 195 conviventi, in relazione alla gravità della malattia e per un corretto management clinico dei pazienti. È stata inoltre eseguita la caratterizzazione molecolare mediante PCR per la presenza dei geni per le tossine superantigene, e sono stati valutati i rapporti filogenetici tra i ceppi isolati in ambito familiare mediante analisi PFGE.
Risultati. I nostri dati hanno mostrato che sia i pazienti che i conviventi avevano una prevalenza maggiore di infezione/colonizzazione da S. aureus rispetto ai controlli e che tale prevalenza era proporzionale alla gravità del quadro clinico del paziente. Inoltre la caratterizzazione genomica degli isolati batterici ha mostrato un’identità clonale sia tra i ceppi isolati dai differenti siti di prelievo nello stesso paziente, che da ceppi provenienti dai conviventi, suggerendo l’esistenza di una trasmissione tra serbatoio nasale e lesione nello stesso soggetto atopico, e di una circolazione batterica intrafamiliare.
Conclusioni. I risultati ci hanno permesso di stabilire che l’ambiente familiare costituisce una fonte di infezione/reinfezione per il paziente ed una sorgente di rischio per i rispettivi conviventi suggerendo la necessità di individuare una corretta profilassi estesa anche ai conviventi, al fine di spezzare la catena di trasmissione.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail