Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2011 September;13(3) > Esperienze Dermatologiche 2011 September;13(3):109-12

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

CASI CLINICI  


Esperienze Dermatologiche 2011 September;13(3):109-12

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Cheratosi seborroica o melanoma? Occhio all’equivoco

Lembo S., Cirillo T., Megna M., Raimondo A., Balato A.

Dipartimento di Dermatologia, Università di Napoli Federico II, Napoli


PDF  


Le cheratosi seborroiche sono tumori epidermici benigni frequenti, spesso multipli e senza predilezione di sesso, che colpiscono preferenzialmente le zone seborroiche del volto, del petto e del dorso, ma spesso anche l’addome e le pieghe ascellari e inguinali. Esse rientrano tra le lesioni cutanee pigmentate benigne che possono simulare il melanoma. Il melanoma è un tumore maligno molto aggressivo che si sviluppa dai melanociti della cute e delle mucose. Viene descritto un caso di cheratosi seborroica in un uomo di 78 anni. La lesione per le sue caratteristiche clinico-dermoscopiche ha inizialmente destato il sospetto di melanoma; solo l’esame istopatologico è risultato dirimente per formulare una diagnosi di certezza. Si evidenzia, dunque, l’importanza di eseguire un accurato iter diagnostico senza talvolta esimersi dall’includere esami invasivi anche per lesioni all’apparenza innocue.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail