Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2011 Giugno;13(2) > Esperienze Dermatologiche 2011 Giugno;13(2):65-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

CASI CLINICI  


Esperienze Dermatologiche 2011 Giugno;13(2):65-7

lingua: Italiano, Inglese

Un caso di morfea a chiazze in paziente affetta da cirrosi biliare primitiva

Berruti V. 1, Zanchini R. 1, Colasanti P. 1, Cordedda M. 1, Picciotti E. 2, Mozzillo R. 1

1 Unità Operativa di Dermatologia e Venereologia, Ospedale San Gennaro dei Poveri - ASL1, Napoli, Italia
2 Unità Operativa di Anatomia Patologica, Ospedale Pellegrini - ASL1, Napoli, Italia


PDF  


La sclerodermia è una malattia cronica a eziologia sconosciuta, caratterizzata da fibrosi cutanea. Si distinguono due entità cliniche: le sclerodermie localizzate, il cui interessamento è limitato alla sola cute ed eventualmente ai piani sottostanti muscolo-scheletrici, e le sclerosi sistemiche, con prognosi più riservata, che coinvolgono anche gli organi interni. Descriviamo il caso di una donna di 58 anni, affetta da circa 10 anni da cirrosi biliare primitiva, giunta alla nostra osservazione per la presenza da circa 4 anni di chiazze infiltrate sclero-atrofiche. La paziente è stata sottoposta a biopsia cutanea di una lesione,il cui esame istologico deponeva per una sclerodermia localizzata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail