Ricerca avanzata

Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2011 Giugno;13(2) > Esperienze Dermatologiche 2011 Giugno;13(2):47-51

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia

Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

Periodicità: Trimestrale

ISSN 1128-9155

 

Esperienze Dermatologiche 2011 Giugno;13(2):47-51

 ARTICOLO SPECIALE

Eritroplasia di Queyrat. Carcinoma spinocellulare in situ delle mucose e delle semimucose

Calista D.

Department of Dermatology, “M. Bufalini” Hospital, Cesena, Italia

L’eritroplasia di Queyrat (EQ) è un carcinoma spinocellulare in situ delle mucose e semimucose genitali. Si presenta come una chiazza eritematosa di forma rotondeggiante o policiclica, a bordi netti, superficie vellutata e colorito rosso carminio brillante. La lesione insorge solitamente dopo la V decade di vita, ha un decorso cronico e, se non trattata, evolve verso la forma invasiva nel 10-30% dei casi. Si ritiense che l’EQ sia l’esito di un processo che vede coinvolti numerosi fattori: fimosi, balaniti irritative da ristagno di smegma, infezioni da HPV e alto numero di partner sessuali. La diagnosi clinica deve essere sempre confermata da quella istopatologica. Al microscopio le alterazioni prevalgono nello strato malpighiano, ove si rileva acantosi, sporadiche discheratosi, cellule atipiche con nuclei polimorfi e rare mitosi. Il corion è sede di un modesto infiltrato superficiale linfo-plasmacellulare.
La diagnosi differenziale va posta nei confronti della balanopostite cronica, della balanite plasmacellulare di Zoon, dell’eritema fisso da farmaci o della psoriasi. Essendo un carcinoma in fase embrionale il trattamento dell’EQ è particolarmente importante. Le neoplasie di piccole dimensioni possono essere asportate chirurgicamente; mentre quelle più estese, per le quali la chirurgia sarebbe troppo demolitiva, possono essere sottoposte a crioterapia, ablazione laser o diatermocoagulazione. In tutti i casi è opportuno consigliare al paziente la circoncisione allo scopo di migliorare l’igiene e prevenire le recidive. Il paziente con EQ deve essere seguito con visite periodiche per almeno 5 anni dall’avvenuta guarigione.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina