Ricerca avanzata

Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2009 Dicembre;11(4) > Esperienze Dermatologiche 2009 Dicembre;11(4):181-5

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI

ULTIMO FASCICOLOESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia

Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

Periodicità: Trimestrale

ISSN 1128-9155

 

Esperienze Dermatologiche 2009 Dicembre;11(4):181-5

 NOTE DI TERAPIA

Valutazione clinica e strumentale dell’efficacia di una crema emolliente a base di urea al 30%, acido lattico e lattato di ammonio nel trattamento della cute a tendenza cheratosica

Lazzaro M. 1, Gai F. 2, Veller Fornasa C. 3, Germi L. 3

1 Dipartimento di Immunodermatologia, ULSS 16 Padova, Padova
2 Dipartimento di Dermatologia, ULSS 12 Venezia, Venezia
3 Unità Operativa di Dermatologia, ULSS 6 Vicenza, Vicenza

Quando si parla di cute a tendenza cheratosica, si intende una cute ispessita, caratterizzata dall’ipertrofia dello strato corneo cutaneo, in cui le lamelle cornee restano aderenti fra loro a formare un rilievo compatto. Il corretto livello idrico dello strato corneo, oltre a dipendere dalle strutture lipidiche polari che lo compongono, è correlato alla presenza di tutta una serie di composti idrofili: amminoacidi (serina, prolina, acido glutammico), lattato di sodio acido 2-pirrolidon-5carbossilico, urea e sali minerali (sodio, magnesio, potassio, calcio). Lo scopo del presente lavoro è stato quello di valutare clinicamente e strumentalmente l’efficacia di una crema emolliente a base di urea al 30%, acido lattico e lattato di ammonio applicata su lesioni cutanee a tendenza cheratosica. Lo studio è stato condotto su 20 soggetti volontari di entrambi i sessi (15 femmine e 5 maschi), di età compresa tra i 28 ed i 78 anni, affetti da cute a tendenza cheratosica. I pazienti selezionati hanno applicato in modo uniforme sull’area da trattare il topico in studio due volte al giorno (mattino e sera) per un periodo di 14 giorni astenendosi dall’impiego di altri topici, valutando l’idratazione, la transepidermal water loss (TEWL), la pHmetria pre e post-trattamento. Tale crema è risultata efficace nell’indurre un significativo miglioramento dell’idratazione e della funzione barriera protettiva cutanea oltre che ad effettuare una spiccata azione levigante.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina