Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2009 Marzo;11(1) > Esperienze Dermatologiche 2009 Marzo;11(1):23-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

CASI CLINICI  


Esperienze Dermatologiche 2009 Marzo;11(1):23-5

lingua: Inglese, Italiano

Infezione da Parapox virus (ORF): descrizione di un caso clinico

Boccia L. 1, Buonomo C. 2, Nacca L. 3, Vozza G. 3

1 Struttura Dipartimentale Dermatologia Pediatrica, AORN Sant’Anna e San Sebastiano, Caserta
2 Unità Operativa Complessa di Anatomia Patologica, AORN Sant’Anna e San Sebastiano, Caserta
3 Dermatologia e Venereologia, Seconda Università di Napoli, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Polo di Caserta, Caserta


PDF  


Questo articolo è relativo al caso clinico di un improvvisato allevatore di ovini di 47 anni, giunto alla osservazione degli autori per la presenza di una lesione nodulare all’avambraccio destro da ascrivere ad infezione da Parapox virus, meglio nota come ORF o Ecthyma contagiosum, che causa lesioni crostose sul muso e sulla bocca delle pecore e delle capre. Nelle lesioni recenti (meno di due settimane), l’agente virale può essere rilevato nelle colture cellulari di vari tipi, quali le cellule renali dei bovini e delle scimmie Rhesus, le cellule amniotiche umane e i fibroblasti. Nelle lesioni inveterate, si rileva alterazione del titolo anticorpale nel siero del paziente e si isola l’antigene virale nel materiale lesionale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail