Home > Riviste > Esperienze Dermatologiche > Fascicoli precedenti > Esperienze Dermatologiche 2008 December;10(4) > Esperienze Dermatologiche 2008 December;10(4):185-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

ESPERIENZE DERMATOLOGICHE

Rivista di Dermatologia


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

CASI CLINICI  


Esperienze Dermatologiche 2008 December;10(4):185-8

lingua: Inglese, Italiano

Antistaminici in gravidanza e ipospadia: un’associazione casuale?

Iandoli R.

Unità Operativa di Dermatologia, Azienda Ospedaliera “San G. Moscati”, Avellino


PDF  


Dato che il 50-60 % delle gravidanze non sono programmate, il rischio di esposizione a farmaci, nel periodo critico dello sviluppo dell’embrione (dal concepimento alla settima settimana), è alto. Tale rischio è tanto maggiore quanto più la donna sia costretta all’uso di farmaci, perché affetta da patologie a lungo decorso, quali la dermatite atopica, l’orticaria idiopatica, le patologie allergiche degli occhi e respiratorie. Tali patologie croniche possono determinare uno stato di assuefazione comportamentale all’uso dei farmaci che, a volte, può condurre all’auto-prescrizione. Viene descritto il caso di una paziente affetta da dermatite atopica che, non sapendo d’essere incinta, ha assunto antistaminici per tutto il primo mese della gravidanza. A termine nasceva un bambino affetto da ipospadia di primo grado. Vengono discussi alcuni lavori inerenti all’associazione di tale malformazione congenita minore con l’impiego degli antistaminici durante la gravidanza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail