Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 December;148(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 December;148(6):693-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

NOTE DI TERAPIA  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 December;148(6):693-8

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Efficacia di un dispositivo medico a base di fotoliasi nel trattamento di cancerizzazione in pazienti affetti da cheratosi attinica o tumore della pelle non melanoma

Puviani M. 1, Barcella A. 2, Milani M. 3

1 Struttura Semplice di Dermatologia e Dermatologia Chirurgica, Ospedale di Sassuolo , Sassuolo, Modena, Italy;
2 Servizio di Dermatologia, , Nembro, Bergamo, Italy;
3 Direzione Medica ISDIN Italia, Milan, Italy


PDF  


Eryfotona AK-NMSC (ISDIN Spain) è un dispositivo medico disponibile in formulazione crema o fluido e contiene fotoliasi, un enzima con azione di riparazione del DNA e filtri UV ad alta protezione veicolati in liposomi (Repairsome). Eryfotona AK-NMSC è indicato nel trattamento del campo di cancerizzazione in pazienti con cheratosi attinica (actinic keratosis, AK) o tumore della pelle non-melanoma (non-melanoma skin cancer, NMSC). La fotoliasi è un enzima che riconosce e ripara direttamente il danno indotto dai raggi UV al DNA. Il più comune danno UV indotto al DNA è la formazione di dimeri ciclobutano pirimidina (CPD). Studi clinici, che hanno valutato l’effetto sia a livello istologico che di espressione genica di Eryfotona AK-NMSC, hanno mostrato un potenziale beneficio nel trattamento del campo di cancerizzazione in pazienti affetti da AK. In particolare l’utilizzo di Eryfotona AK-NMSC migliora l’aspetto del campo di cancerizzazione valutato tramite microscopia cionfocale. Eryfotona AK-NMSC migliora l’espressione del gene p53 a livello dei cheratinociti presenti nel campo di cancerizzazione. In questo studio abbiamo riportato una serie di 6 casi di pazienti con lesioni da AK o NMSC trattati con Eryfotona AK-NMSC, sia come trattamento coadiuvante o come unico trattamento, Eryfotona AK-NMSC veniva applicato due volte al giorno (in formulazione fluida). I casi valutati hanno tutti una documentazione fotografica. La documentazione clinica fotografica delle lesioni cutanee al basale e dopo il trattamento Eryfotona è stata ottenuta in tutti i casi con una fotocamera ad alta definizione digitale. Lo studio ha incluso 6 pazienti, con più lesioni da AK del cuoio capelluto o del viso con o senza NMSC i quali sono stati trattati per una media di 1-3 mesi con Eryfotona AK-NMSC in formulazione fluido. Le immagini prima e dopo il trattamento di questa serie di casi clinici mostrano un notevole miglioramento del campo di cancerizzazione e delle lesioni della cheratosi attinica. Questo serie di casi clinici supporta l’efficacia clinica dell’uso di Eryfotona AK-NMSC (filtri UV ad alta protezione e fotoliasi) nel trattamento del campo di cancerizzazione e delle lesioni AK in pazienti con danno attinico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail