Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 December;148(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 December;148(6):679-85

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEW  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 December;148(6):679-85

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Il veicolo topico come fattore chiave nel trattamento della psoriasi

Vertuani S. 1, Cvetkovska A. D. 1, Zauli S. 2, Virgili A. 2, Manfredini S. 1, Bettoli V. 2

1 Department of Life Science and Biotechnology Medicinal and Health Products Section University of Ferrara, Ferrara, Italy;
2 Department of Medical Sciences University of Ferrara, Ferrara, Italy


PDF  


Il compito di un veicolo topico è quello di portare il principio attivo all’interno della cute. I veicoli vengono classificati in base al loro stato fisico in formulazioni monobasiche, bifasiche e trifasiche. Le preparazioni cutanee per uso topico possono essere distinte in polveri, preparazioni liquide e semisolide. Unguenti, creme, gel e paste appartengono a quest’ultima categoria. L’assorbimento del principio attivo e la compliance del paziente sono fortemente influenzate dal tipo di veicolo utilizzato. La scelta del veicolo dovrebbe dipendere dalle caratteristiche del principio attivo, cioè ogni farmaco dovrebbe avere il suo specifico veicolo per modulare al meglio il rilascio del principio attivo stesso. Infatti, il rilascio e l’assorbimento del farmaco dipendono dalle proprietà psico-chimiche della formulazione. La scelta del veicolo dovrebbe tenere conto anche della cosmeticità del prodotto finale, la quale può influenzare l’aderenza dei pazienti al trattamento e di conseguenza l’efficacia del trattamento stesso. Nei pazienti psoriatici in veicolo maggiormente accettato da un punto di vista cosmetologico è risultato essere il gel lipofilico. Per tale motivo l’associazione topica calcipotriolo/betametasone diproprionato comunemente utilizzata nel trattamento della psoriasi come unguento è stata recentemente sviluppata in formulazione di gel liofilo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

vincenzo.bettoli@gmail.com