Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 Dicembre;148(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 Dicembre;148(6):639-48

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

  MICOLOGIA: UN AGGIORNAMENTO


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 Dicembre;148(6):639-48

lingua: Inglese

Chemioterapia fotodinamica nel trattamento delle micosi superficiali: una valutazione basata sull’evidenza

Calabrò G., Patalano A., Lo Conte V., Chianese C.

Department of Clinical Medicine and Surgery – Dermatology Federico II University of Naples, Naples, Italy


PDF  


La terapia fotodinamica (PDT) è una terapia in costante evoluzione che consiste in una reazione chimica attivata dall’energia luminosa utilizzata per distruggere selettivamente i tessuti danneggiati; è considerata una particolare forma di fotochemioterapia che prevede l’utilizzo di tre elementi essenziali: un fotosensibilizzatore, la luce e l’ossigeno. La combinazione della possibilità di ablazione delle lesioni con un eccellente risultato estetico ha consentito alla terapia fotodinamica di assumere un’importanza sempre crescente nel trattamento delle patologie cutanee, estendendo il proprio campo di applicazione dai tumori cutanei ai trattamenti cosmetologici. Una delle più recenti applicazioni della PDT in ambito dermatologico è il trattamento delle micosi superficiali. Il costante incremento della resistenza ai trattamenti antifungini ha spinto, infatti, la ricerca a nuovi trattamenti alternativi e la PDT sembra essere un potenziale candidato. Molteplici sono stati gli studi in vitro che hanno dimostrato la sensibilità dei dermatofiti e di Candida spp. alla PDT; quelli effettuati in vivo sino ad oggi sono poco rappresentativi, essendo limitati in numero e condotti su un numero piuttosto esiguo di pazienti. Considerando l’efficacia della tecnica ottenuta negli studi in vitro e l’importanza di sviluppare nuove strategie terapeutiche nel trattamento delle micosi superficiali, la PDT è un ambito di grande interesse per futuri studi clinici di ricerca.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

gcalabro@unina.it