Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 Agosto;148(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 Agosto;148(4):325-33

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

  PANNICULITE: LO SPETTRO DELLE DIAGNOSI E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 Agosto;148(4):325-33

lingua: Inglese

Come effettuare una diagnosi di panniculite sulla sola base clinica: un percorso integrato tra criteri generali e aspetti specifici

Borroni G. 1, Giorgini C. 1, Tomasini C. 2, Brazzelli V. 1

1 Department of Clinical and Surgical Diagnostic and Pediatric Sciences. Dermatology Clinic University of Pavia and IRCCS Policlinico San Matteo Pavia, Italy;
2 4th Section of Human Pathology Training Centre in Dermatopathology San Giovanni Battista University Hospital, Turin, Italy


PDF  


Gli autori propongono e delineano un approccio diagnostico su base clinica al problema delle panniculiti, utilizzando criteri apparentemente ovvi come gli aspetti clinici, l’anamnesi e i dati di laboratorio. Questo metodo si avvale dell’integrazione di criteri generali e di specifici aspetti clinici, essenziali per indirizzare il dermatologo ad una specifica diagnosi. Questo approccio è creato sulle stesse linee metodologico-diagnostiche che un dermatologo utilizza in qualsiasi altra patologia cutanea, sia essa infiammatoria o neoplastica. Un comune quanto poco illuminato e investigativo modo di agire, è delegare, di fronte a qualsiasi tipo di panniculite, la possibilità diagnostica alla biopsia e all’esame istologico ed attendere il referto anatomopatologico. Se quest’ultimo risulta ovviamente imprescindibile per la completezza e la precisione della diagnosi, risulta d’altro canto limitativo sia per la cultura dermatologica, sia soprattutto per l’anatomopatologo, che necessita sempre di più, per una sua adeguata risposta microscopica, di dettagliate e precise informazioni cliniche. Questo lavoro prende in considerazione alcuni dei più comuni tipi di panniculite, utilizzando ai fini diagnostici i criteri generali del paziente e specifici di una determinata panniculite. Ogni capitolo analizzerà età, sesso, specifici aspetti dei noduli ipodermitici, sintomi e segni locali e generali, acutezza, cronicità, risoluzione, fissità o migratorietà delle lesioni, evolutività delle stesse, sedi di localizzazione elettiva o loro variabilità, alterazioni di laboratorio, follow-up. In particolare verranno presi in considerazion l’eritema nodoso, le panniculti in sarcoidosi, la panniculite pancreatica, la panniculite lupica, l’eritema indurato di Bazin/vasculite nodulare di Montgomery, la Panniculite di Werber-Christian e Rotman-Makai. La possibilità da parte del dermatologo di effettuare un’affidabile diagnosi clinica di panniculite non è remota, utilizzando i sopraelencati criteri generali e specifici, integrati ovviamente dalla storia clinica e dall’imprescindibile indagine anatomopatologica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

g.borroni@smatteo.pv.it