Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 Aprile;148(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 Aprile;148(2):203-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 Aprile;148(2):203-7

lingua: Inglese

Gestione dei nevi congeniti giganti. Quando è meglio aspettare?

Manganoni A. M. 1, Belloni Fortina A. 2, Pavoni L. 1, Borroni R. G. 3, Bernardini B. 2, Peserico A. 2, Calzavara-Pinton P. 1

1 Department of Dermatology, University Hospital Spedali Civili, Brescia, Italy;
2 Department of Pediatric Dermatology, University Hospital of Padua, Padua, Italy;
3 Molecular Diagnostics Laboratory, Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia, Italy


PDF  


Obiettivo. Un nevo congenito gigante è un nevo melanocitico presente alla nascita, con vasta estensione sulla superficie cutanea. La gestione di questo nevo rimane controversa e deve essere personalizzata per ogni paziente.
Metodi. Uno studio retrospettivo multicentrico è stato condotto nei dipartimenti dermatologici di Brescia, Padova e Pavia, Italia. Il criterio d’inclusione è stato la diagnosi di un nevo melanocitico congenito gigante sulla base dell’osservazione clinica.
Risultati. Riportiamo i casi di nove pazienti con nevo congenito gigante. Nessuno di loro ha sviluppato melanoma, mentre si è potuto osservare che i nevi congeniti giganti sono lentamente sbiaditi.
Conclusioni. Visti i dubbi che persistono in letteratura in materia di trattamento, dobbiamo considerare che la gestione dei nevi melanocitici congeniti giganti è molto complessa, a causa delle dimensioni e l’estensione in profondità delle lesioni. Infatti, la chirurgia ablativa o altri trattamenti potrebbero causare problemi significativi ed è quasi impossibile ottenere l’escissione completa degli strati più profondi della lesione. Inoltre, il trattamento non riduce il rischio di melanoma e potrebbe portare a una maggiore difficoltà nell’osservazione clinica e dermoscopica a causa della comparsa di tessuto cicatriziale dopo la terapia. Nel nostro studio retrospettivo, la pigmentazione dei nevi congeniti giganti è lentamente sbiadita da sola e fino a ora nessun paziente ha sviluppato melanoma. Pertanto, si consiglia un follow-up stretto e regolare, mirato a escludere eventuali complicazioni. Forse sarebbe meglio “aspettare e vedere” giacché altre procedure non diminuiscono il rischio di melanoma, ma anzi potrebbero portare il paziente a sottovalutarlo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

manganoni@spedalicivili.brescia.it