Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 February;148(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 February;148(1):65-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

  GENODERMATOSI


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2013 February;148(1):65-72

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Terapie molecolari per l’epidermolisi bollosa

Has C., Kiritsi D.

Department of Dermatology, University Medical Center Freiburg, Freiburg, Germany


PDF  


L‘epidermolisi bollosa (EB) ereditaria è un gruppo clinicamente e geneticamente eterogeneo di disturbi che si manifestano con vesciche ed erosioni della cute e delle membrane mucose in risposta a un trauma meccanico minore. Oltre 1500 mutazioni in 17 diversi geni sono alla base di più di 30 diversi sottotipi di EB. Attualmente, il trattamento è sintomatico e ha come obiettivo principale quello di supportare la guarigione e risolvere le complicanze; pertanto, i pazienti che presentano sottotipi gravi e fragilità cutanea cronica e permanente hanno elevate necessità mediche non soddisfatte. Nel corso degli ultimi anni, sono stati avviati numerosi studi terapeutici sperimentali sull‘EB mediante sistemi di coltura cellulare, modelli animali o studi clinici pilota, utilizzando la correzione genica, la riprogrammazione dell‘RNA, la sostituzione proteica o le cellule staminali terapeutiche. Sebbene la terapia genica sia stata la prima ad essere applicata nei pazienti, il focus si è adesso spostato verso le terapie cellulari e proteiche. Tuttavia, l‘approccio è estremamente complesso, non solo in termini tecnici ma anche nel modo in cui la patologia cronica, la sua progressione e le sue complicanze possono essere migliorate nel lungo termine. L‘efficacia terapeutica, oltre che gli esiti imprevisti, devono essere accuratamente monitorati.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

cristina.has@uniklinik-freiburg.de