Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 Ottobre;147(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 Ottobre;147(5):447-53

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse

Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0392-0488

Online ISSN 1827-1820

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 Ottobre;147(5):447-53

INFEZIONI E MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI: SFIDE VECCHIE E NUOVE PARTE II 

Le sfide in una MTS minore: il Molluscum contagiosum

Zichichi L. 1, Maniscalco M. 2

1 Department of Dermatology, Trapani Hospital, Trapani, Italy;
2 Epidemiology and Preventive Medicine, ASP 1 Agrigento, Italy

Il virus del Mollusco contagioso (MC) è un poxvirus responsabile di infezioni cutanee e raramente mucose che interessano prevalentemente tre categorie di pazienti: bambini, giovani sessualmente attivi, immunodepressi. Il MC è ovunque presente nel mondo ma sono più colpite le aree con clima tropicale ed i soggetti che vivono in promiscuità: infatti molte piccole epidemie si osservano nei bambini che frequentano piscine pubbliche e nell’ambiente scolastico. Le lesioni tipiche sono rappresentate da papule traslucide, di colore bianco-perlaceo, che mostrano per lo più una depressione centrale. Negli ultimi anni si è assistito ad notevole incremento di incidenza in particolare nei giovani sessualmente attivi e negli immunodepressi. Nei primi la presenza di lesioni in aree a valenza sessuale (aree periano-genitali e mammelle nelle donne) dimostra inequivocabilmente la modalità di trasmissione sessuale e deve allertare il clinico sull’opportunità di eseguire altri test di screening per MTS. Non esiste una modalità terapeutica sicuramente efficace e le lesioni dopo un periodo di tempo variabile( 6 mesi - 4 anni) vanno incontro a risoluzione spontanea. Tuttavia è da molti autori indicato il trattamento delle lesioni in sede perianogenitale per prevenirne la diffusione con i rapporti sessuali, ridurre l’autoinoculazione e migliorare la qualità di vita dei pazienti.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina