Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 Agosto;147(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 Agosto;147(4):357-71

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

  INFEZIONI E MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI: SFIDE VECCHIE E NUOVE PARTE I


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 Agosto;147(4):357-71

lingua: Inglese

Aspetti legali delle malattie sessualmente trasmesse: abusi, notifiche ai partner e procedimenti giudiziari

Argo A., Zerbo S., Triolo V., Averna L., D’anna T., Nicosia A., Procaccianti P.

Section of Legal Medicine, Department of Biopathology, Biotechnology and Forensic Medicine, University of Palermo, Palermo, Italy


PDF  ESTRATTI


Le malattie sessualmente trasmissibili (MST), con particolare enfasi alla infezione da HIV, coinvolgono questioni legali ed etiche in materia di consenso informato per la diagnosi, nel rispetto del segreto professionale per quanto riguarda il partner(s) e della comunità. Problemi legali di particolare difficoltà sono correlati al caso delle MST che coinvolgono minori; infine, i medici devono essere in grado di riconoscere lo stato della (cosiddetta) necessità medica. La conoscenza e la consapevolezza di tali obblighi connessi al trattamento delle MST è fondamentale nella pratica medica, ma è importante anche per consentire un’adeguata protezione delle vittime di sospetto abuso sessuale che giungano in osservazione dei servizi sanitari. Per quanto riguarda questo aspetto va sottolineato che la violenza contro le donne e i minori è un problema mondiale che non è ancora stato sufficientemente riconosciuto. La legislazione italiana (Legge n. 96/1996) contro l’abuso sessuale ha finalmente fornito elementi di rilievo contro i crimini sessuali. Nel caso in cui debbano essere valutati casi di abuso sessuale, potrebbero sorgere ostacoli proprio per mancanza di un approccio interdisciplinare, mentre deve essere assicurata la raccolta di campioni biologici, anche in relazione alla diagnosi di MST e agli obblighi di comunicazione alle autorità legali (referto e denunicia/rapporto). I preconcetti personali possono interferire con le indagini, specialmente nel caso di minori in cui siano poco rilevanti le prove biologiche. A questo proposito, le regole del documento conosciuto come “Carta di Noto”, redatto nel 1996 e aggiornato nel luglio del 2002, includono alcune indicazioni specifiche volte a concedere l’affidabilità dei risultati delle indagini tecniche e l’autenticità delle dichiarazioni delle presunte vittime.

inizio pagina