Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 April;147(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 April;147(2):203-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 April;147(2):203-5

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Sclerodermia a “cintura di cowboy con pistola” da iniezioni di vitamina K1

Lembo S., Megna M., Balato A., Balato N.

Department of Dermatology, University of Naples Federico II, Naples, Italy


PDF  


La vitamina K1 (fitonadione o fitomenadione) è una vitamina liposolubile adoperata nel trattamento dei disordini coagulativi. Iniezioni intramuscolari di vitamina K1 possono essere occasionalmente seguite da differenti tipologie di reazioni cutanee: placche eritematose, rash orticarioidi o lesioni sclerodermiformi a livello del sito di iniezione. Riportiamo il caso di un uomo di 52 anni che presentava 2 placche eritematose, sclerodermiformi, infiltrate, localizzate ad ambedue i fianchi. Il paziente aveva sviluppato un disordine coagulativo a causa di una epatite da HCV. Al fine di trattare tale deficit il paziente aveva effettuato iniezioni intramuscolari di vitamina K1(10 mg Vitamina K1/1 ml) una volta al giorno per 2 settimane. Tre mesi dopo l’interruzione della terapia, nei siti di iniezione comparivano placche morfeiformi indurate. La distribuzione delle lesioni ricordava l’aspetto di una “cintura da cowboy”. Riportiamo questo caso per sottolineare la possibilità che iniezioni i.m. di vitamina K1 possano essere seguite da differenti tipi di reazioni cutanee. A causa dell’aspetto clinico variabile, dell’insorgenza tradiva e della persistenza dopo l’interruzione della terapia, questo quadri clinici possono rappresentare talvolta un’ardua sfida diagnostica e terapeutica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

serenalembo@yahoo.it