Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 February;147(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 February;147(1):99-101

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 February;147(1):99-101

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Terapia fotodinamica con acido metil-aminolevulinico per il trattamento della cheilite attinica: valutazione retrospettiva di 29 pazienti

Fai D. 1, Romano I. 1, Cassano N. 2, Vena G. A. 2

1 Phototherapy Unit, Dermatology Service, AUSL Lecce, Gagliano del Capo, Lecce, Italy;
2 Unit of Dermatology and Venereology, University of Bari, Bari, Italy


PDF  


Obiettivo. Numerosi approcci terapeutici sono stati proposti per il trattamento della cheilite attinica (CA) e, tra questi, è stata inclusa recentemente la terapia fotodinamica (PDT). Riportiamo la nostra esperienza relativa al trattamento della CA con PDT ed acido metil-aminolevulinico topico (MAL).
Metodi. È stata eseguita un’analisi retrospettiva di 29 pazienti con CA che erano stati sottoposti a trattamento con MAL-PDT: 4 erano stati trattati con una singola seduta e 25 con due sedute settimanali consecutive.
Risultati. A 3 mesi, 21 pazienti (72%) hanno ottenuto una risposta clinica completa, che si è mantenuta in 20 pazienti nell’arco di un periodo di follow-up della durata media di 20 mesi (range: 6-36 mesi). Il risultato cosmetico è stato giudicato buono o molto buono nella maggioranza dei pazienti. Eventi avversi locali transitori, correlati alla procedura, sono stati piuttosto frequenti e di entità lieve-moderata in gran parte dei casi.
Conclusione. La nostra esperienza preliminare suggerisce che il trattamento con MAL-PDT può essere considerato un valido approccio alla CA, sebbene siano necessarie valutazioni a lungo termine in un numero consistente di pazienti per delineare dati precisi sul tasso di recidiva clinica ed istologica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

g.vena@dermatologia.uniba.it