Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 Febbraio;147(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 Febbraio;147(1):91-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2012 Febbraio;147(1):91-7

lingua: Inglese

Valutazione di noduli tiroidei incidentali in pazienti affetti da melanoma primario

Fanti P. A. 1, Dika E. 1, Balestri R. 1, Rech G. 1, Bellavista S. 1, Baldi E. 2, Maibach H. I. 3, Patrizi A. 1

1 Division of Dermatology, Department of Internal Medicine Geriatric Diseases and Nephrology, University of Bologna, Bologna, Italy;
2 Department of Medicine and Public Health, University of Bologna, Bologna, Italy;
3 Department of Dermatology, University of California, School of Medicine, San Francisco, CA, USA


PDF  


Obiettivo. Dati di letteratura suggeriscono un incremento della frequenza di noduli tiroidei incidentali (NTI), in pazienti affetti da neoplasie di diverso tipo, compreso il melanoma. L’obiettivo di questo studio è stato la valutazione della frequenza di NTI in pazienti affetti da melanoma ritrovati tramite gli esami ecografici di routine prescritti a questi pazienti.
Metodi. Da gennaio 2007 a dicembre 2009 abbiamo valutato la frequenza di NTI in 168 pazienti consecutivi (80 uomini/88 donne, con età media di 60 anni) mediante ecografie e abbiamo comparato con le caratteristiche cliniche e istologiche del melanoma escisso.
Risultati. Abbiamo trovato la presenza di NTI in 100 pazienti: le analisi statistiche hanno mostrato una prevalenza di questi noduli fra la popolazione femminile e in pazienti con melanoma in situ o sottile.
Conclusioni. I nostri dati si limitano ad un numero piccolo di pazienti e suggeriscono la necessità di studiare la presenza e frequenza di NTI in pazienti con melanoma.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

emi.dika3@unibo.it