Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2011 October;146(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2011 October;146(5):341-52

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

  NOVITÀ IN DERMATOLOGIA


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2011 October;146(5):341-52

lingua: Inglese

Trattamento delle neoplasie cutanee dopo trapianto d’organo

Lumbang W. A., Stasko T.

Division of Dermatology, Department of Medicine, Vanderbilt University Medical Center, , Nashville, TN, USA


PDF  


I progressi nella chirurgia dei trapianti e un più efficace regime immunosoppressivo hanno portato a un incremento del tasso di sopravvivenza tra i pazienti sottoposti a trapianto. Tuttavia, l’intensa immunosoppressione ha comportato un tasso di incremento delle neoplasie sia interne che cutanee, con il tumore della pelle come neoplasia più comune dopo il trapianto. Mentre molti pazienti riceventi trapianto svilupperanno neoplasie cutanee lievi e gestibili, in alcuni pazienti insorgeranno patologie potenzialmente mortali. I dermatologi rivestono un ruolo rilevante nella cura dei pazienti trapiantati. Diventa quindi importante che i dermatologi abbiano familiarità con i dati epidemiologici disponibili e con la gestione dei tumori della pelle in questa popolazione di pazienti. Nel presente articolo, esaminiamo fattori di rischio, prevenzione, riconoscimento e interventi efficaci per i tumori della pelle nei pazienti riceventi trapiantato d’organo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

tom.stasko@vanderbilt.edu