Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2011 August;146(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2011 August;146(4):301-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2011 August;146(4):301-5

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Nuove analisi nella radioterapia dermatologica

Campolmi P., Morini C., Rossi R., Bassi A., Mokhtarzadeh S., Gianfaldoni S., Lotti T.

Department of dermatologic Sciences, University of Florence, Florence, Italy


PDF  


La radioterapia dermatologica è stata utilizzata per decenni nel trattamento di malattie della pelle con ottimi risultati. La scuola fiorentina è sempre stata un punto fondamentale di sviluppo di questa tecnica, è qui che nasce un istituto di fototerapia che sarà nel tempo il primo in Italia ad eseguire regolarmente la radioterapia di contatto. Con il tempo e con lo svilupparsi di nuove modalità terapeutiche, la roentgenterapia ha ottenuto sempre meno consenso. Ad oggi seppur in casi selezionati, si propone ancora come valida modalità terapeutica nell’ambito dell’oncologia dermatologica. I carcinomi a cellule basali possono raggiungere grandi dimensioni principalmente per ricorrenza o perché il tumore è trascurato nel tempo. Segnaliamo il caso di un uomo di 65 anni che presentava una lesione occupante gran parte dell’ala sinistra del naso del diametro di circa 3 cm ulcerata, bordi netti, infiltrante e sanguinante. L’uomo non aveva ricevuto alcun precedente trattamento. La lesione è stata sottoposta a biopsia e l’analisi istopatologica ha diagnosticato un Ulcus Rodens. L’uomo aveva rifiutato completa rimozione chirurgica e quindi è stato trattato con roentgenterapia, con risultati soddisfacenti e senza complicazioni dell’area irradiata. Il paziente non ha manifestato recidive dopo 1 anno di follow-up. La radioterapia può ancora essere considerata una valida alternativa terapeutica sia per lesioni che richiederebbero un approccio chirurgico sia per lesioni sviluppatesi in pazienti che non potrebbero essere in grado di sottoposti ad altra terapia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

drcrimorini@libero.it