Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 October;145(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 October;145(5):659-73

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEW  NOVITÀ IN DERMATOLOGIA


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 October;145(5):659-73

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Sporotricosi: aggiornamento

Bonifaz A. 1,2, Vázquez-González D. 2

1 Department of Mycology, General Hospital of Mexico, Mexico City;
2 Department of Dermatology, General Hospital of Mexico, Mexico City


PDF  


La sporotricosi è la micosi sottocutanea più frequente e diffusa nel mondo. L’obiettivo di questo studio è di fornire una revisione dei più recenti aspetti della sporotricosi circa la sua epidemiologia, gli agenti etiologici, le caratteristiche micologiche, le caratteristiche cliniche, la diagnosi e il trattamento. Gli agenti causali della sporotricosi appartengono a cinque specie ben definite di funghi dimorfici del complesso chiamato Sporothrix schenckii. La sporotricosi e i suoi agenti etiologici hanno delle aree endemiche specifiche, tuttavia è possibile rilevare epidemie di malattia in praticamente tutti i continenti. La via d’accesso è cutanea a causa dell’inoculazione dei funghi nella cute dopo un trauma e meno frequentemente è respiratoria. Le manifestazioni cliniche sono molto variabili, con importante coinvolgimento della cute e del sistema linfatico superficiale, ma con interessamento anche della mucosa e di alcuni organi come i polmoni, le ossa e le articolazioni. Attualmente, la sporotricosi è considerata una vera e propria zoonosi con importanti varianti in base alle aree endemiche e alle caratteristiche ecologiche dei patogeni causali. La terapia di scelta è costituita dal Potassio Ioduro (KI), mentre alternative sono l’itraconazolo, la terbinafina, la termoterapia e in casi gravi l’amfotericina B. L’importanza del riconoscimento delle manifestazioni cliniche della patologia in alcune aree non endemiche è fondamentale per la diagnosi e una terapia accurata.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

bonifaz@yahoo.com.mx