Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 June;145(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 June;145(3):425-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEW  PSORIASI E ARTRITE PSORIASICA


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 June;145(3):425-9

lingua: Inglese

Attualità della minociclina nella terapia dell’acne

Maffeis L., Veraldi S.

Department of Anesthesiology, Intensive Care and Dermatologic Sciences, University of Milan, I.R.C.C.S. Foundation, Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Milan, Italy


PDF  


La minociclina è una tetraciclina semisintetica efficace contro numerosi batteri aerobi e anaerobi, Gram-positivi e Gram-negativi. Essa si caratterizza per l’elevata liposolubilità, che la rende molto attiva a livello del complesso pilo-sebaceo e pertanto utilizzata da tempo nel trattamento delle forme intermedio-gravi di acne papulo-pustolosa. Si tratta di una molecola con un’ottima finestra terapeutica e la percentuale di ceppi di P.acnes ad essa resistenti è tuttora inferiore al 5%. Oltre all’azione antimicrobica, la minociclina possiede una spiccata attività anti-infiammatoria, legata all’inibizione della chemiotassi neutrofila, alla modulazione della sintesi di citochine proinfiammatorie e ad un’azione di riduzione degli acidi grassi liberi e dell’attività delle lipasi batteriche. Nel 2006 la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato una formulazione di minociclina a rilascio prolungato. Quest’ultima ha permesso di ridurre gli effetti indesiderati dose-correlati più frequenti, in particolare a carico del sistema vestibolare. Oltre agli effetti dose-correlati (nausea,vomito,vertigini), è ben noto che la minociclina può causare iperpigmentazioni, seppur meno frequentemente rispetto alla doxiciclina, e raramente può rendersi responsabile di manifestazioni a genesi autoimmune, di reazioni da ipersensibilità e reazioni simil-malattia da siero. Le ultime linee guida del trattamento dell’acne consigliano una posologia compresa tra 50 e 100 mg, una o due volte al dì, per la formulazione a rilascio immediato, e di 1 mg/kg corporeo/die in unica somministrazione per la formulazione a rilascio prolungato, in associazione ad una terapia topica a base di benzoilperossido e/o retinoidi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

stefano.veraldi@unimi.it