Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 Aprile;145(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 Aprile;145(2):205-11

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEW  NEUROBIOLOGIA DELLA CUTE


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 Aprile;145(2):205-11

lingua: Inglese

Neurotrofine nella cute sana e in quella patologica

Raap U., Kapp A.

Department of Dermatology and Allergy, Hannover Medical School, Hannover, Germany


PDF  


La comprensione del complesso meccanismo delle patologie cutanee allergiche ed infiammatorie è stata la base di numerose ricerche cliniche e sperimentali per diversi anni. È noto che la risposta infiammatoria è controllata anche da cellule “residenti” nei tessuti, tra cui neuroni e cellule strutturali. Pertanto, l’infiammazione allergica determina una disfunzione neuronale e modificazioni strutturali nella cute patologica. Tra i principali candidati per l’interazione tra cellule del sistema immunitario, strutturali e neuronali vi sono le neurotrofine. Le neurotrofine sono state inizialmente descritte per la loro capacità neurotrofica. Tuttavia, da recenti studi emerge che le neurotrofine presentano modalità di interazione bi-direzionale nell’attivazione di cellule strutturali, di cellule immunitarie oltre che dei neuroni. Le neurotrofine, tra cui vi è il “brain-derived neurotrophic factor” (BDNF) e il “nerve growth factor” (NGF) sono up-regolati nelle patologie cutanee allergiche ed infiammatorie. Inoltre, cellule strutturali, neuroni e cellule residenti nei tessuti non solo sono il bersaglio ma anche la fonte di produzione delle neurotrofine. A tale riguardo, i granulociti eosinofili, che sono le cellule effettrici chiave nella cute affetta da infiammazione cronica, sono stati identificati come un bersaglio delle neurotrofine, ma sono anche in grado di produrre le neurotrofine stesse. Pertanto, i meccanismi di interazione neuro-immunitaria nella cute con infiammazione allergica rappresentano un nuovo aspetto fisiopatologico, in cui le neurotrofine giocano un ruolo di primo piano nei meccanismi di interazione bidirezionale. In questa revisione, gli Autori riportano un quadro generale aggiornato delle neurotrofine nella cute sana e in quella patologica con particolare enfasi sulla dermatite atopica e sulle implicazioni terapeutiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

raap.ulrike@mh-hannover.de