Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 February;145(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 February;145(1):79-88

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

  DISORDINI DELLA PIGMENTAZIONE


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2010 February;145(1):79-88

lingua: Inglese

La chirurgia della vitiligine: sua evoluzione come trattamento definito della vitiligine stabile

Holla A. P., Parsad D.

Department of Dermatology, Postgraduate Institute of Medical Education and Research, Chandigarh, India


PDF  


La vitiligine rappresenta una patologia della pigmentazione frequente, che determina un enorme impatto psicosociale sui pazienti. La sua patogenesi e il suo trattamento rimangono tuttora alquanto misteriosi. Sebbene siano state proposte diverse modalità di trattamento, fino ad ora nessuna tratta la causa. Il trattamento chirurgico si è evoluto in maniera significativa e fornisce un raggio di speranza nella vitiligine stabile. L’obiettivo principale di questo articolo è di fornire una revisione delle diverse possibilità chirurgiche disponibili, facendo anche riferimento alle pietre miliari e cercando di trovare risposte a “perchè, quando, a chi e come” della chirurgia della vitiligine. Questo articolo si basa sulla revisione della Letteratura medica relativa ai diversi trattamenti chirurgici della vitiligine e sull’esperienza dell’Autore in questo particolare settore. Oltre a questa revisione, gli Autori hanno cercato di far luce sui fattori che influiscono sui risultati della chirurgia della vitiligine. L’esito di qualsiasi procedura chirurgica per vitiligine dipende da un’accurata selezione del paziente, da un’approfondita conoscenza di questa patologia, dall’esperienza nella procedura e dalla dedizione alla cura del paziente. È indubbio che la terapia chirurgica verrà scelta da molti pazienti con la speranza che abbia successo dove la terapia medica ha fallito. Tuttavia, vi sono grandi prospettive di miglioramento. Pertanto, è necessario proseguire con lo studio in questo settore, in modo tale che il nostro obiettivo si sposti da “nessuna repigmentazione” a “repigmentazione completa e normale” e si possa ottenere una cicatrice meno curativa di queste “anime offese”.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

parsad@me.com.