Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 Ottobre;144(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 Ottobre;144(5):541-56

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 Ottobre;144(5):541-56

DERMATITI DA CONTATTO 

Dermatite allergica da contatto nei bambini: una revisione degli studi internazionali pubblicati in letteratura

Matiz C. 1, Hsu J. W. 1, Paz Castanedo-Tardan M. 2, Jacob S. E. 1

1 Rady Children’s Hospital – UCSD, Division of Dermatology, San Diego, CA, USA
2 Dartmouth-Hitchcock Medical Center, Section of Dermatology, Lebanon, NH, USA

Fino a pochi anni fa, negli Stati Uniti si riteneva la dermatite allergica da contatto (ACD) una patologia che colpisse prevalentemente gli adulti. Raramente, infatti, essa veniva diagnosticata nella popolazione pediatrica, in parte a causa della convinzione che i bambini avessero un sistema immunitario immaturo e che fossero meno frequentemente esposti ad allergeni chimici rispetto agli adulti. Inoltre, il patch test per bambini affetti non era così diffusamente impiegato nella popolazione pediatrica, come invece è attualmente. Sebbene il patch test nei bambini richieda alcune modifiche alla tecnica, i dati internazionali (non-USA) pubblicati nell’ultima decade in aggiunta ai dati USA riportati nell’ultimo anno indicano che la ACD nei bambini è una patologia sempre più frequente, con stessa prevalenza e rilevanza dell’adulto. In base alla nostra revisione dei dati internazionali pubblicati in letteratura circa il patch test pediatrico, i cinque allergeni principali universali sono il nickel, il cobalto, gli antibiotici, i profumi e i prodotti chimici della gomma. Sebbene tali allergeni presentino una prevalenza relativamente uniforme in tutto il mondo, differenze possono essere attribuite a variazioni regionali per quanto riguarda tendenze, abitudini e mode locali. In questa revisione, gli autori hanno confrontato i risultati del patch pediatrico eseguito in diverse nazioni in tutto il mondo, focalizzando l’attenzione su differenze geografiche di alcuni dei più comuni allergeni da contatto che colpiscono i bambini in tutto il mondo.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina