Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 Agosto;144(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 Agosto;144(4):411-21

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

  PEMPHIGUS AND PEMPHIGOID UPDATE IN 2009


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 Agosto;144(4):411-21

lingua: Inglese

Il pemfigoide bolloso come patologia autoimmune

Wong M. M., Giudice G. J., Fairley J. A.

Department of Dermatology and VA Medical Center, Iowa City, IA, USA


PDF  


Il pemfigoide bolloso (PB) è una patologia autoimmune che determina la formazione di vescicole, soprattutto negli anziani, caratterizzata dallo sviluppo di placche orticarioidi sormontate da vescicole sottoepidermiche e dal deposito di immunoglobuline e complemento a livello della membrana basale (MB). Dal punto di vista immunologico, questa patologia è caratterizzata dallo sviluppo di auto-anticorpi diretti contro due proteine strutturali degli emidesmosomi, la BP180 (collagene XVII) e la BP230. La BP230 è una proteina intracellulare della placca emidesmosomica, mentre la BP180 è una proteina transmembrana con un dominio collagenasico extracellulare. I dati sperimentali attualmente disponibili indicano che la BP180 è il target principale degli auto-anticorpi patogeni. Gli auto-anticorpi sono sia della classe IgG, che della classe IgE, e il loro legame a livello cutaneo determina l’attivazione del complemento, la degranulazione delle mast-cellule, e l’accumulo delle cellule infiammatorie, tra cui gli eosinofili, le mast-cellule, e i neutrofili. Il rilascio di proteasi da parte di queste cellule infiammatorie determina il distacco della MB e la formazione di vescicole. Sebbene i fattori iniziali scatenanti la produzione di auto-anticorpi rimangano tuttora sconosciuti, una più approfondita conoscenza dei meccanismi patologici che determinano la formazione delle vescicole condurrà allo sviluppo di nuove strategie terapeutiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail