Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 June;144(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 June;144(3):313-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 June;144(3):313-5

lingua: Inglese

Scabbia: si dovrebbe sempre utilizzare il dermatoscopio?

Betti S., Bassi A., Prignano F., Lotti T.

Department of Dermatology, University of Florence Florence, Italy


PDF  


Gli autori descrivono un caso di scabbia in una donna di 80 anni con una storia di intenso prurito, in cui le lesioni non erano localizzate nelle tipiche sedi del corpo in cui la scabbia si manifesta. Nella parte posteriore del tronco erano visibili soltanto poche lesioni eritemato-papulari. Così la diagnosi non si è basata sulle comuni caratteristiche cliniche o sul tradizionale metodo dell’esame microscopico ma è stato necessario effettuare un esame videodermatoscopico e, su una lesione simile a un cunicolo di scabbia nel dorso, è stato visualizzato l’acaro. L’articolo mette dunque in evidenza l’importanza dell’esame videodermatoscopico, una tecnica semplice, veloce, non costosa e non invasiva, che può migliorare la capacità diagnostica nei casi di scabbia, soprattutto quando l’infezione non è localizzata nelle tipiche sedi corporee.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail