Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 Febbraio;144(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 Febbraio;144(1):93-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2009 Febbraio;144(1):93-6

lingua: Inglese

Eruzione pustolosa da erlotinib

Cusano F. 1, Ferrara G. 2, Barletta E. 3, Ingordo V. 4

1 Unit of Dermatology, “G. Rummo” Hospital Benevento, Italy
2 Unit of Pathologic Anatomy, “G. Rummo” Hospital Benevento, Italy
3 Unit of Oncology, “G. Rummo” Hospital Benevento, Italy
4 Department of Dermatology, “G. Venticinque” Italian Navy Main Hospital, Taranto, Italy


PDF  


L’Erlotinib è un inibitore del recettore del fattore di crescita epidermico (epidermal growth factor receptor, EGFR) che si è dimostrato in grado di prolungare la sopravvivenza e rallentare la progressione del carcinoma polmonare non a piccole cellule avanzato o metastatico. Sfortunatamente non sono rari gli effetti collaterali cutanei, il più frequente dei quali consiste in una eruzione acneiforme. Poiché è stata osservata una correlazione fra severità del rash e risposta al trattamento, è fondamentale che il dermatologo sia in grado di distinguere questo rash da altre eruzioni cutanee da farmaco il cui management e la cui prognosi possono essere differenti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail