Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 December;143(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 December;143(6):395-408

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

REVIEW  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 December;143(6):395-408

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Il trattamento della micosi fungoide

Sebastian Mestel D. 1, Beyer M. 1, Steinhoff M. 1, Sterry W. 1, Assaf C. 1, 2

1 Department of Dermatology and Allergy Skin Cancer Center Charité-Universitaetsmedizin, Berlin, Germany 2 Department of Dermatology and Venerology HELIOS Klinikum Krefeld, Germany


PDF  


Come linfomi cutanei primitivi a cellule T la micosi fungoide e la sindrome di Sézary appartengono al gruppo dei linfomi non-Hodgkin, che sono caratterizzati dalla proliferazione clonale di cellule CD4+ localizzate nella cute. Sebbene siano già disponibili molte opzioni per il trattamento convenzionale di tipo topico e sistemico citotossico, nella maggior parte dei casi a lungo termine si ottiene solo una remissione temporanea, senza effetti curativi. L’obiettivo di questo articolo è quello di presentare le attuali modalità di trattamento, così come le nuove strategie terapeutiche già vagliate dagli studi clinici e che hanno sortito risultati promettenti per il trattamento del linfoma cutaneo primitivo a cellule T.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail