Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Agosto;143(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Agosto;143(4):259-65

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse

Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0392-0488

Online ISSN 1827-1820

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Agosto;143(4):259-65

 REVIEW

Impatto dei vaccini profilattici per l’HPV in Dermatologia e Venereologia

Gross G.

Department of Dermatology and Venereology University of Rostock, Rostock, Germany

I vaccini profilattici quadrivalenti HPV L1 VLP e bivalenti rivestono un ruolo molto importante in pazienti trattati dai medici dermatologi ed infettivologi che si occupano di malattie veneree. Entrambi i vaccini proteggono dalle neoplasie maligne associate a HPV16 e HPV18 del distretto anogenitale, del cavo orale, del tratto respiratorio superiore e della cute, soprattutto a livello delle dita e in regione periungueale. Il vaccino quadrivalente HPV6, 11, 16, 18 previene inoltre la formazione delle verruche anogenitali (condilomi acuminati), che rappresentano i tumori benigni più frequenti in questa regione corporea. La vaccinazione HPV (Gardasil) è stata approvata in Germania e in altri paesi europei a partire dal mese di Ottobre 2006 per giovani fanciulle di età compresa tra 9 e 16 anni e per giovani donne di età compresa tra 16 e 26 anni. Molti esperti ritengono che anche i ragazzi e i giovani adulti di sesso maschile dovrebbero essere vaccinati. I maschi otterrebbero, così, profitto da un vaccino che protegge contro le infezioni da HPV, soprattutto i condilomi acuminati, come pure contro i carcinomi dell’ano e del pene. Nei soggetti sottoposti a terapia immunosoppressiva dopo trapianto d’organo e nei pazienti HIV-positivi, l’infezione da HPV può essere molto estesa, cronica e spesso progredisce rapidamente verso tumori maligni. Pertanto, questi soggetti potrebbero ottenere grandi benefici dall’immunizzazione profilattica contro HPV.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina