Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Giugno;143(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Giugno;143(3):195-205

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse

Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0392-0488

Online ISSN 1827-1820

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Giugno;143(3):195-205

 REVIEW

Citochine e cellule di Langherans nella dermatite allergica da contatto

Elsaie M. L. 1, Olasz E. 2, Jacob S. E. 1,3

1 Department of Dermatology and Cutaneous Surgery U Miami Miller, Miami, FL, USA
2 Department of Dermatology Medical College of Wisconsin, Milwaukee, WI, USA
3 Dermatology Unit, Rady Children’s Hospital University of California, San Diego, CA, USA

L’ipersensibilità da contatto (contact hypersensitivity, CHS) è una reazione infiammatoria della cute dipendente dalle cellule dendritiche (dendritic cell, DC) con la mediazione delle cellule T, scatenata dall’esposizione a sostanze chimiche reattive, note come apteni, presenti nei prodotti cosmetici o dall’esposizione ambientale o occupazionale. Gli apteni meglio studiati sono le sostanze chimiche a basso peso molecolare (<1 000) che si legano a discreti residui aminoacidici dell’ospite o che apportano alla cute proteine/peptidi esogeni che diventano immunogeni. Clinicamente, la CHS si manifesta tipicamente come una dermatite allergica da contatto ritardata. Gli apteni penetrano nella cute e si legano alle proteine dell’ospite formando antigeni completi che vengono riconosciuti dalle cellule presentanti l’antigene (antigen presenting cells) iniziando una cascata di eventi che esita nella reazione da ipersensibilità ritardata. Le molecole di maggiori dimensioni, quali le proteine, inducono una risposta che coinvolge il sistema immunitario umorale. L’ambiente, al momento della presentazione dell’antigene, influenza il sistema immunitario innato che, a sua volta, influenza l’espressione della CHS. La conseguente risposta immunologica ( o la sua mancanza) è il risultato di una complessa interazione tra il sistema immunitario innato e quello adattativi. Questa interazione esita o in una risposta immune infiammatoria o nella tolleranza immunologica.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina