Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Aprile;143(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Aprile;143(2):139-49

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEW  VACCINI NELLA TERAPIA SPERIMENTALE DERMATOLOGICA


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Aprile;143(2):139-49

lingua: Inglese

Strategie immunoterapeutiche per il trattamento del melanoma

Alexeev V. 1,2, Mucci T. 1, Igoucheva O. 1

1 Department of Dermatology and Cutaneous Biology Jefferson Medical College Thomas Jefferson University, Philadelphia, PA, USA
2 Jefferson Vaccine Center Thomas Jefferson University, Philadelphia, PA, USA


PDF  ESTRATTI


L’incidenza del melanoma cutaneo è in aumento con una crescita più rapida rispetto a qualsiasi altra neoplasia maligna. Nonostante le innovazioni nel trattamento chirurgico del melanoma, questa neoplasia rimane una delle più aggressive e difficili da trattare tra i tumori solidi. Continue ricerche per migliorare il suo trattamento hanno portato allo sviluppo di diversi approcci immunologici da applicare nel trattamento del melanoma. Multiple strategie basate su peptidi, cellule dendritiche, linfociti e virus sono state testate in studi preclinici e clinici con diversi gradi di successo clinico. Comunque, le più recenti ricerche nel campo dell’immunoterapia del melanoma hanno chiaramente dimostrato che vaccini complessi e la combinazione di diversi approcci, come l’utilizzo di vaccini di cellule dendritiche insieme a molecole di costimolazione, sono superiori ai protocolli di immunizzazione convenzionali nell’induzione delle risposte immunitarie tumore-specifiche. Questi recenti studi aprono nuove prospettive per lo sviluppo di efficaci immunoterapie per il trattamento della malattia primitiva e metastatica.

inizio pagina