Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Aprile;143(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Aprile;143(2):125-37

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2008 Aprile;143(2):125-37

VACCINI NELLA TERAPIA SPERIMENTALE DERMATOLOGICA 

 REVIEW

Vaccinazioni contro l’infezione cutanea da Leish-mania

Kronenberg K. 1,2, Brosch S. 2, Von Stebut E. 2

1 Department of Surgery, University of Regensburg Regensburg, Germany
2 Department of Dermatology Johannes Gutenberg-University Mainz, Germany

La leishmaniosi cutanea è una patologia endemica con incidenza in crescita, anche in Europa. Recentemente, ha suscitato maggior attenzione a causa della riattivazione in ospiti immunocompromessi, per esempio nei soggetti HIV positivi. Le opzioni terapeutiche variano dal trattamento topico alla terapia sistemica nei casi più complessi. Attualmente, non esiste un vaccino. Nonostante numerosi tentativi, la generazione di vaccini è risultata difficile, sebbene l’immunità che protegge contro questo parassita protozoario intracellulare obbligato dipenda dallo sviluppo di cellule T CD4+ e CD8+ antigene-specifiche capaci di rilasciare INFγ. L’INFγ, a sua volta, attiva i fagociti dell’ospite a produrre radicali dell’ossigeno e ad eliminare il parassita. Questa review descrive le nozioni di immunologia di base per lo sviluppo dell’immunità protettiva in soggetti infetti. Inoltre, evidenzieremo i differenti approcci utilizzati per lo sviluppo del vaccino e descriveremo in cosa dovrebbe consistere un vaccino efficace. La ricerca intensiva combinata nel campo della parassitologia e dell’immunologia di base potrebbe permettere, nel prossimo futuro, la generazione di un vaccino efficace contro questo importante patogeno umano.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina