Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 December;142(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 December;142(6):669-71

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEW  UPDATE SULLA DERMATITE DA CONTATTO


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 December;142(6):669-71

lingua: Inglese

Dermatite da contatto nei bambini

Heine G., Worm M.

Allergy-Center-Charité Department of Dermatology and Allergology Charité Campus Mitte Charité University of Medicine, Berlin, Germany


PDF  


La dermatite allergica da contatto è una causa frequente di infiammazione cutanea negli adulti, ma può anche comparire nell’età infantile. Il contatto cutaneo diretto di un aptene legato a proteine, che forma un antigene completo, facilita l’esposizione alle cellule presentanti l’antigene e in seguito al reclutamento delle cellule T antigene-specifiche. Questa reazione immunologica evidenzia un quadro temporale e loco-specifico di citochine infiammatorie e anti-infiammatorie che porta alla dermatite. Con una ricerca sistematica sono stati identificati nei bambini gli allergeni più frequenti, quali i sali composti da etilmercurio (thimerosal), la gentamicina solfato, il nickel-II-solfato, il mercurio ammoniacato, il cobalto-II-clorato, le miscele di profumi, il bufexamac, le miscele di Compositae, il glicol-propilene e la turpentina. Il potenzialmente elevato impatto socio-economico delle dermatite da contatto acquisite precocemente, quali quelle legate all’attività lavorativa, suggerisce che sono necessari una migliore prevenzione e un miglior controllo degli allergeni da contatto più frequenti. Sono necessari anche test con cerotti standardizzati piuttosto che individuali per testare i bambini con sospetta dermatite allergica da contatto.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail