Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 Dicembre;142(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 Dicembre;142(6):649-58

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEW  UPDATE SULLA DERMATITE DA CONTATTO


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 Dicembre;142(6):649-58

lingua: Inglese

Chemochine regolanti la migrazione linfocitaria nelle lesioni da dermatite atopica

Vestergaard C. 1, Hvid M. 1, Deleuran B. 2, Deleuran M. 1

1 Department of Dermatology Aarhus University Hospital, Aarhus, Denmark
2 Department of Rheumatology Aarhus University Hospital, Aarhus, Denmark


PDF  


La dermatite atopica è una patologia cronica eczematosa pruriginosa recidivante, che affligge tra il 15% e il 20% di tutti i bambini, con un notevole impatto sociale, psicologico ed economico sui bambini e le loro famiglie. L’incidenza della patologia è aumentata durante gli anni ’70 e ’80 ma sembra essere stazionaria dagli anni ’90. La causa della dermatite atopica è ancora poco conosciuta, ma sono stati descritti molti dettagli della patogenesi, che hanno condotto a una più profonda conoscenza e quindi alla possibilità di sviluppare nuovi e più efficaci metodi di trattamento. Istologicamente, la cute dei pazienti affetti da dermatite atopica è caratterizzata da infiammazione, in cui prevalgono i linfociti ma in cui sono presenti anche mastociti, eosinofili, macrofagi e cellule dendritiche. L’attrazione di queste cellule nella cute è in parte mediata dalle chemochine. Le chemochine sono piccole proteine appartenenti a quattro distinte famiglie e mediano il loro effetto attraverso il legame con alcuni recettori. Alcune di queste chemochine sono in grado di attirare specifici linfociti e sottopopolazioni di linfociti come i linfociti Th2. Gli esperimenti condotti su modelli animali per la dermatite atopica mostrano che il blocco di alcune di queste chemochine attenua lo stato eczematoso, fornendo nuovi ed importanti target per la terapia, sia a livello proteico sia a livello di mRNA. Questa revisione si focalizza sulle chemochine che regolano il traffico linfocitario nelle lesioni cutanee della dermatite atopica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail