Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 December;142(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 December;142(6):621-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 December;142(6):621-5

lingua: Inglese

Tacrolimus topico e vitiligine: nostra experienza in sessanta casi

Baldo A., Casula L., Prizio E., Porzio R., Monfrecola G.

Unit of Dermatology Department of Systematic Pathology Federico II University, Naples, Italy


PDF  


Obiettivo. La vitiligine è una patologia dermatologica acquisita caratterizzata dalla comparsa di macule circoscritte e depigmentate sulla cute. Le attuali modalità di trattamento comprendono la fototerapia con UVB a banda stretta, i corticosteroidi e gli immunomodulatori topici. Scopo del nostro studio è stato quello di valutare l’efficacia e sicurezza del tacrolimus topico nel trattamento della vitiligine.
Metodi. Sono stati arruolati nello studio 60 pazienti (44 di sesso femminile, 22 di sesso maschile) con chiazze vitiligoidee stabili. Essi non avevano ottenuto alcun beneficio dalle precedenti terapie con corticosteroidi topici, né dalla fototerapia con UVB a banda stretta e dalla PUVA terapia, per cui è stato somministrato loro il tacrolimus topico allo 0,1%, due volte al giorno, monitorizzandone gli effetti per 9 mesi.
Risultati. Almeno una parziale repigmentazione è stata osservata in 46 pazienti dopo 9 mesi di terapia con tacrolimus; 23 di loro hanno ottenuto una buona repigmentazione, valutabile già al terzo mese di terapia, rimanendo invariata rispettivamente al sesto e nono mese. Gli altri 23 pazienti hanno ottenuto una eccellente repigmentazione, valutabile solo al nono mese di terapia, ma poco significativa al terzo e sesto mese. Due pazienti hanno interrotto la terapia a causa degli effetti collaterali, mentre nei rimanenti 12 non è stata osservata alcuna repigmentazione.
Conclusioni. Il tacrolimus topico potrebbe essere considerato un farmaco sicuro ed efficace nella terapia della vitiligine, specialmente per i pazienti che non hanno ottenuto alcun beneficio dai corticosteroidi e/o dalla fototerapia.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail