Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 April;142(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 April;142(2):99-108

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEW  UN AGGIORNAMENTO SULLE NEOPLASIE CUTANEE: IL MELANOMA NEL 2007


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 April;142(2):99-108

lingua: Inglese

Modelli dermoscopici del melanoma. Il Buono, Il Cattivo, Il Grigio

Wang S. Q., Scope A., Marghoob A. A.

Dermatology Service Memorial Sloan-Kettering Cancer Center, New York, NY USA


PDF  


La dermoscopia rappresenta uno strumento efficace per differenziare il melanoma dal nevo melanocitico benigno. Sono disponibili diversi algoritmi basati sul punteggio e sulla forma per identificare il melanoma correttamente e contemporaneamente classificare correttamente i nevi clinicamente atipici come lesioni benigne, per cui non è necessario effettuare una biopsia. Descriviamo il modello di approccio analitico per imparare le interpretazioni dermoscopiche dei melanomi e delle lesioni melanocitiche benigne. Per le lesioni benigne vi sono nove modelli classici: 1) aspetto reticolare diffuso, 2) aspetto reticolare a chiazze, 3) aspetto reticolare periferico con ipopigmetazione centrale, 4) aspetto reticolare periferico con iperpigmentazione centrale, 5) aspetto reticolare periferico con globuli centrali, 6) aspetto globulare, 7) globuli periferici con aspetto reticolare centrale o starburst, 8) aspetto omogeneo e, 9) aspetto caratterizzato da componenti multiple. Per i melanomi maligni l’aspetto classico non ricorda nessuno dei nove precedenti. Il melanoma maligno presenta anche asimmetria, architettura disordinata e molteplicità di colori. Infine, il melanoma ha anche strutture locali inquietanti, quali velature bluastre, striature atipiche e vasi sanguigni irregolari.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail