Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 Aprile;142(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 Aprile;142(2):71-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEW  UN AGGIORNAMENTO SULLE NEOPLASIE CUTANEE: IL MELANOMA NEL 2007


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2007 Aprile;142(2):71-82

lingua: Inglese

Meccanismi molecolari della tumoregenesi del melanoma: un aggiornamento

Gao L. 1, Zhao H. 2, Cornelius L. A. 1

1 Division of Dermatology Department of Internal Medicine, Washington University School of Medicine, St. Louis, MO, USA
2 Department of Pathology and Immunology, Washington University School of Medicine, St. Louis, MO, USA


PDF  


La resistenza alla terapia e la tendenza a metastatizzare spiegano la pessima prognosi del melanoma cutaneo. Sebbene recenti scoperte nel settore della genetica, e studi epidemiologici e gnomici che hanno alimentato una qualche speranza di migliorare la comprensione della patogenesi del melanoma, restano senza risposta le domande relative all’eterogeneità molecolare sottostante alla genesi del melanoma. La comprensione di queste complessità si spera che sarà di aiuto per identificare gli aspetti essenziali della patogenesi del tumore e per capirne il comportamento clinico e la risposta alla terapia. Gli attuali progressi nelle tecnologie ad alta risoluzione per ampi tratti di genoma, così come l’analisi mutazionale gene-specifica, assieme a quella genetica e fenotipica e ai migliorati modelli animali, possono in ultima analisi aiutare a meglio definire gli eventi molecolari fondamentali che contribuiscono alla patogenesi della malattia e ad identificare gli obiettivi terapeutici più efficaci.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail