Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 October;141(5) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 October;141(5):433-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 October;141(5):433-7

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Amitriptilina come approccio terapeutico e non sintomatico nel trattamento della prurigo nodulare: uno studio pilota

Zalaudek I. 1, Petrillo G. 2, Baldassarre M. A. 2, De Luca T. 2, Francione S. 2, Sgambato A. 2, Argenziano G. 2

1 Department of Dermatology Medical University of Graz, Graz, Austria 2 Department of Dermatology Second University of Naples, Naples, Italy


PDF  


Obiettivo. La prurigo nodulare (PN) è una malattia cronica, a eziologia sconosciuta, caratterizzata da un prurito di intensità tale da compromettere la qualità di vita del paziente. Lo scopo di questo studio era verificare se l’amitriptilina, noto antidepressivo triciclico dotato di notevole efficacia contro il prurito e di un’elevata affinità di legame per il recettore H1 dell’istamina, possa rappresentare un nuovo approccio terapeutico per la PN.
Metodi. In questo studio sono stati verificati l’efficacia e gli eventuali rischi dell’amitriptilina, somministrata per via orale, come trattamento della PN. I pazienti sono stati trattati con una dose iniziale di 60 mg/die per 3 settimane, con riduzione a 30 mg/die per 2 settimane e, infine, a 10 mg/die per una settimana.
Risultati. Su 17 pazienti con PN si è ottenuta una risposta positiva pari all’82,4%. Non sono stati riscontrati effetti collaterali di notevole entità e questi, se presenti, erano principalmente caratterizzati da una diminuita capacità di concentrazione. Nessun paziente ha, tuttavia, dovuto sospendere il trattamento. Recidiva di malattia si è presentata in 5 pazienti entro 7 mesi dalla sospensione del farmaco, ma si è ottenuta una remissione immediata mediante tempestiva reintroduzione del farmaco.
Conclusioni. La significativa remissione ottenuta nei nostri pazienti ci consente di ipotizzare che l’amitriptilina possa costituire un nuovo ed efficace approccio terapeutico in pazienti affetti da PN.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail