Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 August;141(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 August;141(4):393-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEW  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 August;141(4):393-9

lingua: Inglese

Leishmaniosi cutanea del Vecchio Mondo nei soldati Americani impiegati in Iraq. Aspetti diagnostici e opzioni terapeutiche

Walsh D. S.

Department of Clinical Trials Walter Reed Army Institute of Research Silver Spring, MD, USA


PDF  


La leishmaniosi cutanea è una malattia della cute a eziologia parassitaria che viene trasmessa dalle mosche della sabbia che è divenuta comune tra i soldati impiegati nell’Operazione Iraqi Freedom (Seconda Guerra del Golfo, iniziata nel 2003). Le lesioni attive della malattia a livello del volto e delle mani provocano delle ulcere che, dopo la guarigione, possono lasciare delle cicatrici deturpanti. La terapia tempestiva della leishmaniosi cutanea accelera la guarigione e migliora la probabilità che non residuino cicatrici. Questo ha fatto rinascere nei medici l’interesse verso gli aspetti clinici della leishmaniosi cutanea e verso le opzioni diagnostiche e terapeutiche. Nell’Esercito degli Stati Uniti esistono procedure diagnostiche ben stabilite che comprendono la colorazione di Giemsa del materiale prelevato dalle lesioni cutanee e strisciato su vetrino, la biopsia mirata delle lesioni e tecniche PCR altamente sensibili. Per i soldati le terapie per la leishmaniosi cutanea comprendono l’applicazione locale di calore (ThermoMed™), la crioterapia (azoto liquido), la somministrazione per os di fluconazolo o itraconazolo e la somministrazione per via endovenosa di stibogluconato di sodio (antimonio pentavalente, Pentostam®). La paromomicina, un promettente aminoglicoside anti-Leishmania, nella preparazione per uso topico, è sicura, poco costosa ed è già disponibile commercialmente in alcune nazioni. La formulazione per uso topico della combinazione paromomicina-gentamicina è attualmente in fase di valutazione da parte dell’Esercito degli Stati Uniti. Questa review descrive le opzioni diagnostiche attuali e in fase di sviluppo e quelle relative al trattamento della leishmaniosi cutanea contratta nel Medio Oriente o nel Sud Est Asiatico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail