Ricerca avanzata

Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Agosto;141(4) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Agosto;141(4):355-70

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOGIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse

Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014

Periodicità: Bimestrale

ISSN 0392-0488

Online ISSN 1827-1820

 

Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Agosto;141(4):355-70

 REVIEW

Lesioni cutanee melanocitiche nei bambini: aspetti dermoscopici e considerazioni gestionali

Zalaudek I. 1, Sgambato A. 2, Mordente I. 2, Orlandino G. 3, De Luca T. 2, Ferrara G. 4, Argenziano G. 2

1 Department of Dermatology Medical University of Graz, Graz, Austria
2 Department of Dermatology Second University of Naples, Naples, Italy
3 Department of Plastic Surgery Second University of Naples, Naples, Italy
4 Pathologic Anatomy Service Gaetano Rummo General Hospital, Benevento, Italy

I bambini possono presentare un ampio spettro di lesioni cutanee melanocitiche, delle quali la grande maggioranza è rappresentata da nevi benigni, mentre il melanoma infantile è eccezionalmente raro. Di conseguenza, per questo ed altri motivi, la diagnosi di melanoma infantile è spesso tardiva. Di conseguenza, la gestione ottimale dei bambini con lesioni cutanee melanocitiche deve tener conto di due obiettivi: il primo è ridurre le asportazioni chirurgiche dei nevi melanocitici benigni, il secondo è migliorare la diagnosi precoce di melanoma. La dermoscopia si è dimostrata in grado di consentire il raggiungimento di questi obiettivi e questo spiega il sempre maggiore utilizzo di questa tecnica non invasiva per la gestione quotidiana dei pazienti con lesioni cutanee pigmentate e non pigmentate. Il follow-up supplementare con la dermoscopia digitale consente l’osservazione delle variazioni dinamiche nel tempo, consentendo non solo di migliorare la diagnosi precoce di melanoma, ma anche di poter meglio valutare l’evoluzione naturale dei nevi melanocitici. In questo articolo, abbiamo revisionato l’attuale letteratura scientifica riguardante gli aspetti dermoscopici delle lesioni cutanee melanocitiche dell’infanzia, le osservazioni sulla loro gestione, i nuovi concetti di nevogenesi e le controversie attuali circa il melanoma infantile.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina