Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Giugno;141(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Giugno;141(3):267-77

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

REVIEW  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Giugno;141(3):267-77

lingua: Inglese

Virus dell'immunodeficienza umana e dermatologia - patologie particolari - una revisione della letteratura scientifica

Beltraminelli H., Itin P. H.

Dermatology Unit, University Hospital, Basel, Switzerland


PDF  


Le manifestazioni cutanee osservate in qualsiasi stadio della sindrome da virus dell'immunodeficienza umana/immunodeficienza acquisita (HIV/AIDS) comprendono un ampio spettro di patologie che hanno visto cambiare la loro importanza nel decorso dell'infezione da HIV, principalmente grazie al rapido sviluppo dei farmaci antiretrovirali. Con l'avvento della terapia antiretrovirale altamente efficace molte manifestazioni cutanee sono migliorate o completamente scomparse e altre possono persino peggiorare quando si ha la ripresa dell'immunità dell'ospite, un fenomeno conosciuto come sindrome da ricostituzione immunitaria.
Alcune manifestazioni quali il sarcoma di Kaposi e la leucoplachia orale villosa sono tipiche (ma non specifiche) dell'infezione da HIV, tanto che, in loro presenza, è consigliabile eseguire il test sierologico per la ricerca di anticorpi anti-HIV. Anche altre manifestazioni cutanee, quali la dermatite seborroica o l'herpes simplex possono comunemente associarsi all'infezione da HIV, ma spesso compaiono in assenza di questa infezione; alcune manifestazioni dermatologiche, quali l'esantema cutaneo generalizzato, sono presenti nel 40% dei casi di infezione acuta da HIV. Nel 10% dei pazienti HIV-positivi le lesioni del cavo orale rappresentano il primo segno clinico di malattia e consentono di porre diagnosi di infezione da HIV. La maggior parte delle manifestazioni cutanee in corso di AIDS hanno una presentazione insolita, con localizzazioni atipiche, eruzioni disseminate, esacerbazioni improvvise, resistenza al trattamento e spesso hanno in comune un decorso cronico; alcune di queste riflettono lo status immunitario sottostante del paziente, le manifestazioni disseminate compaiono solitamente con conte cellulari CD4+ molto basse e/o con alte cariche virali. Alcune infezioni fungine sistemiche HIV-associate (senza interessamento cutaneo) e alcuni effetti collaterali dei farmaci (con presenza di manifestazioni cutanee) possono essere pericolose per la vita, ed è necessario che il medico ne tenga conto per poterle diagnosticare precocemente e per poterle trattare efficacemente. Non bisogna dimenticare che il trattamento dell'infezione da HIV prevede molti farmaci, con diversi effetti collaterali e una miriade di possibili interazioni tra di loro.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail