Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 June;141(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 June;141(3):215-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 June;141(3):215-9

lingua: Inglese

La dermatite polimorfa solare in Italia: caratteristiche cliniche e dati epidemiologici

Procaccini E. M. 1, Fabbrocini G. 2, Affaticati V. 3, Assalve D. 4, Calzavara Pinton P. 5, Caputi I. 2, Ciambellotti A. 6, Flori M. L. 7, Guarrera M. 6, Iacovelli P. 8, Leone G. 8, Pigatto P. 3, Schena D. 9, Monfrecola G. 2

1 Dermatology Unit Azienda Sanitaria Locale, Naples, Italy
2 Department of Dermatology Federico II University, Naples, Italy
3 Dermatology Unit IRCCS Ospedale Maggiore, University of Milan, Milan, Italy
4 Department of Dermatology University of Perugia, Perugia, Italy
5 Dermatology Unit, Spedali Civili, Brescia, Italy
6 Department of Dermatology University of Genoa, Genoa, Italy
7 Department of Dermatology University of Siena, Siena, Italy
8 Dermatology Unit IRCCS Dermatologico S. Gallicano, Rome, Italy
9 Department of Dermatology University of Verona, Verona, Italy


PDF  


Obiettivo. La dermatite polimorfa solare (DPS), la più frequente fotodermatosi idiopatica, è caratterizzata da un’ampia variabilità clinica e da frequenti recidive.
Scopo di questo studio è stato valutarne la prevalenza in Italia, le principali caratteristiche cliniche, l’andamento clinico e la recidivanza nella popolazione italiana.
Metodi. Presso 8 Centri Dermatologici italiani sono stati intervistati 4 416 individui sani. A ciascuno veniva sottoposto un primo questionario con domande inerenti età, fototipo, fenotipo, modalità di esposizione al sole. Agli intervistati veniva quindi mostrato un set di fotografie di diverse forme di DPS e, solo a coloro che asserivano di aver manifestato in passato una patologia cutanea ad esse assimilabile, veniva somministrato un ulteriore gruppo di domande relative alla dermopatia.
Risultati. Dei 4 416 soggetti intervistati, 212 avevano una storia che orientava per una DPS. Pertanto, la prevalenza della DPS in Italia sembra attestarsi al 5,89%, senza differenze significative tra i diversi Centri Dermatologici distribuiti nel territorio nazionale a diverse latitudini.
La varietà clinica di DPS a “papule coalescenti” è la più comune (36,4%); l’area corporea più colpita sembra essere il tronco (61,1%), mentre Il viso viene interessato solo in pochi casi. I soggetti cronicamente esposti al sole tendono a sviluppare la DPS meno frequentemente di quelli che si fotoespongono in maniera occasionale. Nel 37,7% la DPS sarebbe comparsa dopo un’esposizione al sole particolarmente intensa.
Conclusioni. Non esiste alcuna correlazione tra DPS e assunzione di farmaci né tra DPS e sostanze chimiche ambientali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail