Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Aprile;141(2) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Aprile;141(2):99-106

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Aprile;141(2):99-106

lingua: Inglese

L’espressione della proteina NM23 nel melanoma primario è correlata con l’intervallo libero da malattia e con la sopravvivenza: dieci anni di follow-up

Ferrari D. 1, Lombardi M. 1, Ricci R. 2, Michiara M. 3, Pedrazzi G. 4, Santini M. 1, De Panfilis G. 1

1 Unit of Dermatology, Department of Surgical Sciences University of Parma, Parma, Italy
2 Unit of Pathology Department of Pathology and Laboratory Medicine University of Parma, Parma, Italy
3 Unit of Medical Oncology, Department of Medicine Parma Hospital, Parma, Italy
4 Unit of Physics, Department of Public Health University of Parma, Parma, Italy


PDF  


Obiettivo. nm23 è considerato un gene soppressore delle metastasi per alcuni tumori umani. Una ridotta espressione dell’mRNA di nm23 è stata riscontrata in diverse metastasi di melanoma, con una correlazione fra espressione di tale proteina e sopravvivenza dei pazienti. Dal momento che il ruolo prognostico dell’espressione della proteina NM23 nei melanomi primari è controverso, lo scopo di questo studio è stato determinare l’utilità della proteina NM23 come indicatore immunoistochimico della prognosi in pazienti affetti da melanoma primario.
Metodi. L’espressione della proteina NM23 è stata analizzata in 30 melanomi primari. Sono state utilizzate sezioni in paraffina e la tecnica dell’immunoperossidasi. Il periodo di follow-up includeva la valutazione dell’intervallo libero da malattia dopo 5 e 10 anni e la sopravvivenza dopo 5 e 10 anni.
Risultati. È stato dimostrato che: (i) l’espressione della proteina NM23 è correlata positivamente con l’intervallo libero da malattia a 5 anni (P<0,01) e 10 anni (P<0,01); (ii) l’espressione della proteina NM23 è correlata positivamente con la sopravvivenza a 5 anni (P<0,01) e 10 anni (P<0,01).
Conclusioni. In questo studio, la proteina NM23 correla inversamente con la progressione del melanoma. Dovranno essere eseguiti, tuttavia, studi clinici che includano vaste casistiche di pazienti per confermare il ruolo prognostico favorevole di NM23 nel melanoma.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail