Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Febbraio;141(1) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Febbraio;141(1):11-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2006 Febbraio;141(1):11-5

lingua: Inglese

Radioterapia dei carcinomi cutanei palpebrali: risultati in 88 lesioni

Percivalle S. 1, Piccinno R. 1, Gnecchi L. 2, Caccialanza M. 1

1 Photoradiotherapy Unit Institute of Dermatological Sciences University of Milan IRCCS Foundation, Ospedale Maggiore Mangiagalli e Regina Elena, Milan, Italy.
2 Unit of Dermatology S. Gerardo dei Tintori Hospital , Monza, Italy


PDF  


Obiettivo. Il trattamento dei carcinomi cutanei palpebrali rappresenta un problema sempre aperto: scopo ottimale della terapia è infatti quello di garantire la radicalità nella distruzione della neoplasia, abbinata alla conservazione delle funzioni fisiologiche e a risultati estetici soddisfacenti. Per verificare la rispondenza a tale obiettivo è stato effettuato uno studio retrospettivo della casistica raccolta nel periodo 1976-2004 sottoposta a terapia radiante.
Metodi. Sono stati sottoposti a radioterapia 85 pazienti portatori di 88 lesioni neoplastiche epiteliali delle palpebre; 48 pazienti erano di sesso femminile, 37 di sesso maschile, con un’età media di 71.07 anni (range 38-89 anni). Le 88 lesioni trattate comprendevano 86 carcinomi a cellule basali, 1 carcinoma a cellule squamose e 1 carcinoma metatipico. La radioterapia è stata effettuata mediante plesioroentgenterapia (Chaoul), utilizzando uno schermo sottopalpebrale “a conchiglia” costituito di piombo, zinco e nichel al fine di evitare danni al cristallino. La dose totale somministrata è stata compresa tra 40 e 65 Gy.
Risultati. Si è ottenuta remissione completa in 86 lesioni (97,72%), mentre in 2 si è avuta recidiva marginale (2,28%). Il cure-rate a 5 anni dal termine della radioterapia (calcolato con il metodo delle tabelle di sopravvivenza) è stato del 96,72%. Non sono state finora osservate complicazioni e sequele dovute al trattamento radiologico.
Conclusioni. Gli eccellenti risultati terapeutici ed estetici ottenuti nella serie di pazienti irradiati confermano i dati della letteratura e supportano la scelta della radioterapia dermatologica nel trattamento dei carcinomi cutanei palpebrali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail