Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 Dicembre;140(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 Dicembre;140(6):723-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,014


eTOC

 

CASI CLINICI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 Dicembre;140(6):723-6

lingua: Inglese

Melanonichia da idrossiurea

Brazzelli V. 1, Bellani E. 1, Barbagallo T. 1, Prestinari F. 1, Roveda E. 1, Trevisan V. 1, Vassallo C. 1, Merante S. 2, Borroni G. 1

1 Clinica Dermatologica II Università degli Studi di Pavia, Pavia
2 Clinica Ematologica Università degli Studi di Pavia, Pavia


PDF  


L’idrossiurea (hydroxyurea, HU) è un agente citostatico usato come farmaco di prima scelta nel trattamento di diverse affezioni mieloproliferative, in particolare la leucemia mieloide cronica.
L’HU, agendo sull’enzima ribonucleoside difosfato-reduttasi, è in grado di inibire la sintesi del DNA, portando a una consistente diminuzione del numero dei globuli bianchi e dei trombociti. È, inoltre, in grado di migliorare l’anemia e di ridurre la splenomegalia.
La terapia prolungata con HU presenta effetti collaterali sia ematologici, come depressione midollare e megaloblastosi, sia dermatologici, tra i quali i più noti sono: atrofia cutanea, ulcere acrali, eritema del volto e delle mani, diradamento del capillizio fino all’alopecia, pigmentazioni cutanee e alterazioni ungueali.
Viene presentato il caso di M. P., una paziente di 77 anni, affetta da leucemia mieloide cronica e trattata con HU (2 g/os/die) per un periodo di circa 15 mesi. La paziente, giunta alla nostra osservazione per la presenza di una lesione ulcerata in regione malleolare sinistra, presentava, inoltre, iperpigmentazioni ungueali sia diffuse sia in bande longitudinali a carico di tutte le unghie delle mani e dei piedi. Veniva posta diagnosi di pigmentazioni ungueali da HU. La sospensione della terapia con HU, l’introduzione di terapia con imatinib mesilato (400 mg/os/die) e pentossifillina (400 mg/os/die) ha portato in 2 mesi alla risoluzione quasi completa dell’ulcera e a un leggero impallidimento della pigmentazione delle unghie delle mani.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail