Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 December;140(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 December;140(6):685-702

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

REVIEWS  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 December;140(6):685-702

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

La vitiligine: cosa c’è di nuovo?

Ghersetich I., Buggiani G., Brazzini B., Lotti T.

Department of Dermosciences University of Florence, Florence, Italy


PDF  


La vitiligine è un disordine della pigmentazione caratterizzato da macchie cutanee acromiche, a patogenesi prevalentemente autoimmune, che colpisce lo 0,5-2% della popolazione mondiale.
La vitiligine viene frequentemente considerata solo un problema di ordine estetico, anche se, in realtà, ha serie implicazioni mediche. Il suo trattamento è spesso problematico, sia per il paziente che per il dermatologo, e, a volte, scoraggiante. L’approccio al paziente con vitiligine è complicato; il dermatologo deve avere un atteggiamento positivo ed empatico nei confronti del paziente e, al contempo, deve tenersi informato sulle sempre nuove possibilità terapeutiche, dando a ogni malato le corrette informazioni prognostiche basandosi sulle caratteristiche cliniche del singolo caso.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail