Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 December;140(6) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 December;140(6):663-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 December;140(6):663-6

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Effetti dell’ossigenoterapia iperbarica sul microcircolo cutaneo

Procaccini E. M. 1, De Martino G. 2, Picone G. 3, D’Alicandro G. 2, Monfrecola G. 3

1 Section of Dermatology ASL NA1, Naples, Italy 2 Department of Anesthesia and Resuscitation Federico II University, Naples, Italy 3 Unit of Dermatology, Department of Systemic Pathology, Federico II University, Naples, Italy


PDF  


Obiettivo. La terapia iperbarica trova indicazione nei casi in cui un danno locale o un’infezione abbiano interferito con il normale apporto di ossigeno e nutrienti ai tessuti. Lo scopo di questo studio è stato valutare il possibile effetto dell’ossigenoterapia iperbarica (OTI) sul microcircolo cutaneo in volontari sani per mezzo di un flussimetro laser-Doppler prima e dopo esposizione a una singola somministrazione di OTI.
Metodi. Diciotto volontari sono stati arruolati in questo studio. I valori di microflusso sono stati registrati per 15 min respirando aria ambientale a una temperatura di 25-28°C e a una pressione di 1 ATA (T0), successivamente alla medesima temperatura a una pressione di 2,8 ATA (T1) e, infine, 90 min dopo la decompressione, respirando nuovamente aria ambientale a 1 ATA (T2).
Risultati. I risultati mostrano una riduzione del 65% del flusso cutaneo di sangue alla fase T0 rispetto alla fase T1 , riduzione che dura fino alla fase T2.
Conclusioni. Questo studio dimostra che l’OTI induce una riduzione del flusso del microcircolo cutaneo in soggetti sani che può essere spiegato come un meccanismo di difesa fisiologico della cute sana nei confronti del danno ossidativo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail