Home > Riviste > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia > Fascicoli precedenti > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 June;140(3) > Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 June;140(3):221-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

GIORNALE ITALIANO DI DERMATOLOGIA E VENEREOLOGIA

Rivista di Dermatologia e Malattie Sessualmente Trasmesse


Official Journal of the Italian Society of Dermatology and Sexually Transmitted Diseases
Indexed/Abstracted in: EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,311


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Giornale Italiano di Dermatologia e Venereologia 2005 June;140(3):221-7

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Terapia fotodinamica con acido d-aminolevulinico per il trattamento di verruche plantari

Procaccini E. 1, Fabbrocini G. 2, Lo Presti M. 2, Battimiello V. 2, Delfino M. 2, Monfrecola G. 1

1 Unit of Dermatology ASL Napoli 1, Naples, Italy 2 Unit of Dermatology Department of Systematic Pathology Federico II University of Naples, Naples, Italy


PDF  


Obiettivo. Le metodiche comunemente impiegate per il trattamento delle verruche plantari (elettrochirurgia, crioterapia) sono spesso dolorose e non sempre efficaci. In questo studio è stato valutato l’effetto della terapia fotodinamica (photodynamic therapy, PDT) con acido d-aminolevulinico (ALA) per uso topico nel trattamento delle verruche plantari.
Metodi. Il trattamento è stato effettuato rimuovendo inizialmente lo strato superficiale, ipercheratosico, delle verruche, mediante applicazione per 7 giorni di unguento a base di urea 10% e acido salicilico 10%. Successivamente, dopo leggero curettage, è stato applicato ALA al 20% in crema, con medicazione occlusiva per 3 h. Lo studio è stato condotto in 30 pazienti con 84 lesioni, mentre, per altri 30 pazienti, con 62 verruche (controlli), è stato utilizzato unicamente il veicolo. Tutte le verruche sono state poi irradiate, con una lampada a luce visibile (emissione tra 400 e 700 nm con picco a 630 nm) con una dose pari a 50 J/cm2 per seduta. La terapia è stata effettuata 1 volta alla settimane per 2 o 3 settmane. È stato effettuato un follow-up di 1 anno. Durante il trattamento, alcuni pazienti lamentavano sensazione di bruciore e/o dolore. L’assorbimento dell’ALA nelle verruche è stato verificato in vivo, mediante spettroscopia di fluorescenza.
Risultati. I risultati ottenuti dimostrano la risoluzione delle verruche, a 2 mesi dall’ultimo trattamento nel 84,5% delle lesioni nel gruppo PDT e nel 22,5% dei controlli.
Conclusioni. I risultati di questo studio suggeriscono che la PTD con ALA topico può costituire una valida alternativa nel trattamento delle verruche plantari, nelle condizioni descritte, che permettono un’adeguata penetrazione del farmaco.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail